Mantenere la vicinanza nella scuola a distanza?

famiglia sdraiata su un prato

Un’insegnante di sostegno di un bambino autistico racconta il suo percorso di lavoro per garantire una scuola di vicinanza e riuscire a mantenere la relazione con il proprio alunno. Si è stabilita una nuova routine che ha permesso di continuare a distanza l’attività didattica.

Leggi la testimonianza di Amelia Spinicelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.